Intervento dell'assessore al Turismo della provincia di Frosinone e presidente Apt, Carlo Di Cosmo, tenuto nel corso del convegno organizzato il 9 febbraio 2002 dal Rotary (distretto 2080 Italia) su: "Il turismo, una risorsa per il Lazio Sud-Latina e Frosinone due province da integrare". "In provincia di Frosinone abbiamo avuto nel 2002 quattrocentotrentamila arrivi, pari a un milione e 450 mila presenze. E' un dato leggermente inferiore a quello del 2000 (anno pero' di Giubileo) mentre e' superiore rispetto al 1999. Vanno bene le citta' d'arte, male le terme e la montagna. Frosinone, pur non essendo una destinazione turistica classica, ha i numeri per diventarlo: 16 mila posti letto, un'offerta turistica integrata (cultura, ambiente, terme ed enogastronomia). Un futuro positivo della provincia puo' essere costruito anche attraverso il turismo. E' questo un settore per il quale la nostra provincia ha una grande vocazione, un settore che va sviluppato anche a seguito di un forte processo di deindustrializzazione in atto. E' chiaro che non possiamo piu' affidarci alla spontaneita', c'e' bisogno di grandi investimenti per migliorare l'offerta turistica e per svolgere una grande azione di promozione. Soprattutto e' necessaria la cooperazione tra gli Enti pubblici e tra il pubblico e il privato; in un periodo in cui la competizione non e' piu' tra le singole imprese o le singole citta' ma tra territori abbiamo il dovere di unire un territorio e in prospettiva unire le 2 province di Frosinone e Latina (altro che provincia di Cassino). In provincia di Frosinone la cooperazione ha gia' dato buoni frutti: abbiamo realizzato il Patto sul Turismo, uno strumento importante per attrarre risorse nel territorio. Confidiamo molto nella nuova legge quadro sul turismo che premia chi riesce a realizzare un sistema turistico locale. Il Governo e la Regione devono fare la loro parte: su Fiuggi, sul turismo montano (chiediamo alla Regione di fare quello che l'Abruzzo ha fatto per le sue stazioni sciistiche); in gioco c'e' lo sviluppo, non solo di questi territori, ma dell'intera Regione. L'integrabilita' delle offerte e' indispensabile: dobbiamo essere in grado di proporre piu' offerte in quanto e' cambiato l'atteggiamento del turista; dobbiamo offrire l'Abbazia ma anche una buona cucina, le terme ma anche un Centro benessere, locali notturni, punti Internet, etc. Offerta turistica dunque integrata ma anche un'offerta dei servizi e del tempo libero, in generale una cultura dell'accoglienza che anche cultura di impresa. Per concludere il Turismo e' l'industria del futuro su cui la provincia di Frosinone puo' e deve investire, tanto piu' se lo consideriamo un settore trasversale che ha a che fare con i trasporti, con l'ambiente, con la cultura con i servizi innovativi e, quindi, oggettivamente puo' trainare l'intera economia oltre che migliorare la qualita' della vita. Infine, il turismo e' anche un grande veicolo di pace in quanto implica il viaggio, l'incontro, la conoscenza di culture diverse, la sola che puo' evitare i conflitti e l'odio". Carlo Di Cosmo Assessore provinciale al Turismo Presidente APT Frosinone Frosinone, 5 marzo 2002

TORNA A COMUNICATI STAMPA